"Le Rose di Versailles Official©♥" è il blog dedicato esclusivamente a Lady Oscar, alla storia del 700, alle notizie, alle curiosità, agli eventi e ai luoghi Oscariani

.

Ultimi post pubblicati!!!

s6

martedì 28 novembre 2017

La Rivoluzione Francese in una mostra a Fumetti: da Lady Oscar ad Andrè Chenier



MILANO - Come tutti gli anni, in occasione dell’inaugurazione della stagione lirica del Teatro alla ScalaWOW Spazio Fumetto – Museo del Fumetto, dell’Illustrazione e dell’Immagine animata di Milano (Viale Campania 12, www.museowow.it) dedica una mostra all’opera di apertura inserendosi nell’ambito delle iniziative organizzate dal Comune di Milano per LA PRIMA DIFFUSA. Dopo le mostre su Mozart, Wagner, Beethoven, Verdi e Puccini, quest’anno si è scelto di dedicare l’esposizione all’evento storico che fa da sfondo alle vicende di Andrea Chénier di Umberto Giordano, ossia la Rivoluzione Francese così come è stata narrata dai fumetti, dall’illustrazione popolare e dal cinema. A fare da “guida” saranno due testimoni d’eccezione come André Chénier, il poeta che visse realmente durante la Rivoluzione e che ispirò la vicenda musicata da Giordano, e Lady Oscar, il mitico capitano delle guardie reali creata dalla mangaka Ryoko Ikeda nel 1972 protagonista di un fumetto e di una serie animata. Il tutto in un percorso per approfondire la Rivoluzione Francese, illustrata da maestri come Milo Manara a Paolo Piffarerio.
Giovedì 7 dicembre 2017, a partire dalle ore 17.30, nell’ambito delle manifestazioni inserite nella Prima Diffusa, il museo ospiterà la proiezione su megaschermo dell’opera Andrea Chénier di Umberto Giordano in diretta dalla Scala (ingresso libero fino ad esaurimento posti).



Il percorso espositivo propone le più belle pagine dei fumetti che hanno raccontato la Rivoluzione Francese e la vita del vero André Chenièr. La mostra si apre con una cronologia che aiuta il visitatore ad orientarsi con le vicende più importanti che mossero la Rivoluzione Francese dal 1789, anno della presa della Bastiglia, al 1795, anno della proclamazione del Direttorio. E’ quindi possibile leggere cosa accadde anno per anno e vedere come questi eventi sono stati illustrati da grandi maestri del fumetto italiano come Milo Manara, che nel 1989 illustrò i momenti salienti della Rivoluzione per il quotidiano Il Messaggero, o Paolo Piffarerio, autore del memorabile Fouché su testi di Max Bunker, uscito a puntate sulla rivista Eurekanel 1973, che racconta con dovizia di particolari la vita di Joseph Fouché, importante uomo politico francese, oppure Il boia di Parigi, primo numero della collana Bonelli Le Storie che grazie al talento di Paola Barbato e Giampiero Casertano narra la vita di Charles-Henri Sansoncolui che decapitò i sovrani di Francia.

Ogni tappa è commentata da un estratto dalle opere del vero André Chénier, poeta francese che raccontò nelle sue opere gli accadimenti rivoluzionari pagando con la vita il coraggio con cui espresse sempre il suo pensiero. 

La mostra prosegue poi con l’esposizione di altri fumetti che hanno raccontato la Rivoluzione, come il celebre manga Le rose di Versailles da tutti meglio conosciuto come Lady Oscar, creato dalla mangaka Ryoko Ikeda nel 1972 e poi trasformato in una fortunata serie animata di grande successo nel 1979. Da segnalare un’interessante versione a fumetti della vita di André Chénier pubblicata nel 1992 in Francia dalla rivista Vécu, a testimonianza di quanto il poeta sia tenuto in gran conto in Patria. A lui è inoltre dedicato un focus all’interno della mostra, con l’esposizione della biografia scritta da Mario Mazzucchellila riproduzione del verbale dell’interrogatorio subito nel tragico periodo del Terrore e una serie di francobolli dedicati alle figure più importanti della Rivoluzione, tra cui, insieme a Robespierre e Danton non manca ovviamente Chénier. Sono presenti anche alcuni preziosi cimeli legati all’opera, come la prima edizione del libretto scritto da Luigi Illica e musicato da Umberto Giordano e un’edizione degli anni Settanta con la copertina impreziosita da un’illustrazione di Guido Crepax, il creatore di Valentina.

Sono esposti poi un raro manifesto cinematografico del film Andrea Chénier (1955) di Clemente Fracassi con Michel Auclair, Antonella Lualdi, Raf Vallone e Rina Morelli, magnifici fogli delle celebri Image d’Épinal e tante altre piccole curiosità che aiuteranno il visitatore a prendere confidenza in modo divertente con la vicenda politica che fa da sfondo all’opera di Giordano. Non mancherà il consueto diorama in Lego, quest’anno preparato appositamente da Jarno Zani in collaborazione con Passion Bricks e BrianzaLUG: 15.000 mattoncini e 120 personaggi LEGO ricostruiscono l’esecuzione pubblica di André Chénier avvenuta a Parigi nel 1794.

Dal 2 dicembre 2017 all’11 febbraio 2018

Orario: da martedì a venerdì, ore 15:00 – 19:00; sabato e domenica ore 15:00 – 20:00. Lunedì chiuso
Ingresso libero

Aperture straordinarie: 7-8 dicembre; 6 gennaio;
Chiusure: 24-25-26 dicembre; 31 dicembre e il 1° gennaio

Proiezione in diretta dell’opera Andrea Chénier il giorno 7 dicembre 2017 dalle ore 17:30.
Ingresso libero, prenotazione obbligatoria a info@museowow.it / 02 49524744

giovedì 9 novembre 2017

Torna "Lady Oscar", il musical: ecco le date da segnare in calendario


Torna l’ eroina del manga ideato e creato da Ryoko Ikeda nel 1972 intitolato Versailles no bara (ma meglio conosciuto in Italia col nome di Lady Oscar) e, stavolta, i suoi fans avranno la possibilità di godersela in carne e ossa. Sarà a Roma al Nuovo Teatro Orione nelle giornate del 29, 30 e 31 dicembre prossimi il musical dedicato a Madamigella Oscar, a tutta la corte della capricciosa Maria Antonietta e a un evento storico cruciale qual’ è stata la Rivoluzione Francese. 


Il sipario, dunque, si apre su storie che meritano di essere raccontate a prescindere dalla loro origine fumettistica, genere spesso considerato poco classico e per questo a volte “snobbato” dal mondo del teatro. L’ idea di trasformare la biondissima comandante delle guardie reali in una diva da ribalta è venuta nel 2006 ad un giovane italiano, Andrea Palotto, autore, compositore e regista del musical, che ha saputo creare un susseguirsi di melodie variegate e coinvolgenti, che spaziano dal minuetto delle feste da ballo a corte, al rock duro di un popolo che soffre per l’oppressione dei suoi regnanti. Punto di forza  delle canzoni è proprio il fatto che, al contrario di altri musical importati dall’estero, questo sia stato pensato e realizzato direttamente in italiano, evitando che nella traduzione si potessero perdere sfumature e passaggi significativi per rispettare l’ accordo musicale.
La storia del fumetto è stata conservata, sebbene sia stato necessario effettuare parecchi tagli vista la lunghezza della serie originale a fronte delle sole 2 ore di spettacolo, ma coloro che hanno amato Oscar ritroveranno nel musical i momenti più significativi della sua vita: il momento della sua nascita e la decisione del padre di crescerla come un uomo, l’ infanzia spensierata con Andrè distrutta il giorno in cui diviene Comandante delle Guardie Reali, la conoscenza di Maria Antonietta e il tacito dolore di vedere la regnante di Francia intessere una relazione con l’ uomo di cui anche lei è innamorata, infine la rivoluzione, storica e sentimentale, quando il popolo si ribella ai monarchi e Andrè le confida il suo amore. La fine è un triste epilogo, proprio come nelle ultime pagine del manga, e la vita di Oscar, Andrè, Maria Antonietta sarà solo una parte del prezzo pagato per i sogni di un popolo: fratellanza, uguaglianza e libertà.

giovedì 31 agosto 2017

Ristampa per il primo numero di "Lady Oscar - Le Rose di Versailles"

La casa editrice Goen ha annunciato per il prossimo 2 settembre la ristampa del primo volume del manga "Lady Oscar - Le Rose di Versailles". :-O 




Lady Collection 39
LADY OSCAR – LE ROSE DI VERSAILLES 1 (RISTAMPA)
di Riyoko Ikeda
9788867127337
11×17, B+sc, b/n
4,95 €
Ambientato nella Francia pre-rivoluzionaria con protagonisti realmente esistiti come Maria Antonietta, il manga narra gli avvenimenti storici dal punto di vista di Oscar François de Jarjayes, giovane ragazza che per volere del padre è diventata un soldato.
In tutte le edicole e le librerie è il momento di riscoprire il mito in un’edizione che per la prima volta in Italia pubblicherà anche i racconti inediti scritti da Riyoko Ikeda.
VERSAILLES NO BARA © RIYOKO IKEDA PRODUCTIONS


giovedì 27 luglio 2017

Nuovo eye liner estivo in arrivo sul mercato giapponese


La Bandai ha deciso di lanciare sul mercato giapponese un nuovo prodotto in occasione del decimo anniversario della serie di cosmetici dedicati a "Le Rose di Versailles". :-O 

Sarà, dunque, disponibile dalla fine di luglio il nuovo eye liner estivo "Lady Oscar" al prezzo di 1200 yen tasse escluse.
Il nuovo cosmetico sarà distribuito in tutti i punti vendita e nelle migliori drogherie.

 Tutti i diritti riservati©


mercoledì 12 luglio 2017

Pubblicato il 12° volume de "Le Rose di Versailles"

Un nuovo volume con gli episodi inediti realizzati dal 2013 da Riyoko Ikeda per celebrare il cinquantesimo compleanno di Margaret e il quarantesimo anniversario della conclusione delle vicende di Lady Oscar e MAI VISTI PRIMA in Italia. Nella magnificenza delle pagine in bianco e nero e a colori, troveremo i racconti che vedono protagonisti Victor Clément de Girodel e la nascita della nostra beniamina Oscar. :-O 






Lady Collection 53
LADY OSCAR, LE ROSE DI VERSAILLES 12 [IN CORSO]
di Riyoko Ikeda
9788867127016
110×170, B+sc, 212 pp, b/n + col.
Storico Shojo
Edicola: senza sc
€ 4,95 (Edicola € 4,50)


VERSAILLES NO BARA © RIYOKO IKEDA PRODUCTIONS

venerdì 7 luglio 2017

EPISODIO N° 40 14 LUGLIO 1789 - ADDIO, MIA AMATA OSCAR


Oscar muore in seguito alle ferite riportate combattendo alla Bastiglia: i suoi ultimi ricordi saranno per André. :'(

Un'ora dopo la sua morte, la Bastiglia si arrendeva e, da quel momento in poi, la rivoluzione travolse tutto e tutti.

Alcuni anni dopo quel giorno, Bernard e Rosalie si recano da Alain che nel frattempo ha deciso di fare il contadino. L'idea di Bernard è quella di scrivere un libro sulla rivoluzione nel quale vorrebbe citare anche Oscar e Andre'.

Molti furono gli assalti che la famiglia reale dovette subire da parte del popolo dopo quel giorno. Nell'ottobre del 1789 le donne di Parigi si recarono a Versailles per chiedere il pane al re.


Fu in quell'occasione che la famiglia reale dovette lasciare per sempre la reggia. Maria Antonietta fu costretta ad affacciarsi al balcone dalla folla inferocita e li' chino' la testa di fronte al suo popolo.

In seguito la famiglia reale fu portata alle Tuilieries, ma la tentata fuga di Varennes fatta con la complicità del conte di Fersen, fece precipitare gli eventi.

Al momento dell'addio,  Maria Antonietta non pote' salutare il conte di Fersen che li aveva accompagnati per un lungo tragitto durante la fuga.

La ex regina di Francia fu portata al Tempio e i suoi capelli diventarono bianchi improvvisamente a causa dei traumi subiti.


Luigi XVI fu ghigliottinato il 21 gennaio 1793.

Maria Antonietta, trasferita alla Conciergerie, riconobbe Rosalie e ascolto' tutto il racconto della giovane e del periodo nel quale visse con Oscar.

Nell'ottobre 1793 fu ghigliottinata dopo aver perduto anche suo figlio, il piccolo Charles, che fu portato in un'altra ala del tempio e fatto prigioniero.

Intanto anche i più accesi rivoluzionari come Robespierre e Saint Just vennero ghigliottinati il 28 luglio 1794.

Infine, Rosalie mostra ad Alain una rosa bianca fatta con la stoffa da Maria Antonietta durante la sua prigionia. La Regina aveva pregato la giovane di colorarla con il colore preferito da Oscar. Non conoscendolo, lo chiede ad Alain che risponderà di non saperne nulla, ma che André avrebbe certo detto le rose bianche.
Allora i due decidono di lasciarla così com'è. 

giovedì 6 luglio 2017

EPISODIO N° 39 ADDIO ANDRE' - QUEL SORRISO NON TORNERA' MAI PIU'


Andre' si spegne dopo essere stato ferito da un soldato della Royal Allemand al tramonto del 13 luglio 1789.

Lo sgomento e' generale: Alain, Bernard, Rosalie ma soprattutto Oscar è disperata dalla perdita del suo amato. :-O 
Ha continui attacchi di tosse e vaga per la città in preda allo sconforto dopo essere stata per molto tempo seduta sui gradini della chiesa in cui la salma di André è stata sistemata.

Salita a cavallo, corre per le strade di Parigi ma incontra alcuni soldati con i quali si batterà piangendo e rimpiangendo ciò che non ha potuto fare con Andre': vivere il loro amore.

Intanto in città si diffonde l'idea di prendere la Bastiglia. Alain si reca da Bernard in qualita' di rappresentante dei soldati della guardia per comprendere la situazione. 

Nel frattempo Oscar continua a vagare per la città e all'alba del 14 luglio in un vicolo viene aiutata da Alain e, dopo aver pianto ancora, si reca insieme a lui alla fortezza.

Sarà proprio Oscar, insieme ai sui soldati della guardia, a guidare le operazioni con i cannoni.

Il Marchese De Launay, governatore della Bastiglia, darà l'ordine di spararle durante i combattimenti. La giovane sarà colpita e, in quel momento, il suo pensiero andra' ad André.

Tutti i diritti riservati

....